I ragazzi del Progetto iDO “Io Faccio Futuro” donano all’ASL Foggia due PC ricondizionati

I ragazzi del progetto iDO “Io Faccio Futuro” hanno donato all’ASL di Foggia due PC ricondizionati che saranno destinati al Centro Territoriale per l’Autismo (C.A.T.) di Lucera e al Servizio di Neuropsichiatria Infantile di Cerignola. Alla cerimonia di consegna, che si è svolta questa mattina nella sede del Modulo Terapeutico Riabilitativo per l’Autismo di Cerignola, hanno presenziato il Direttore Generale dell’ASL Foggia Vito Piazzolla, la responsabile del C.A.T. Albacenzina Borelli e il presidente di “iFun”, associazione di promozione sociale di genitori di figli con autismo e disturbi psicosensoriali, Maurizio Alloggio. A consegnare i PC, che saranno utilizzati dagli operatori della ASL per attività di teleconsulto e assistenza a distanza, è stato Joseph, uno dei ragazzi coinvolti nel progetto iDO. “Questi sono gli eventi che contano – ha commentato il Direttore Piazzolla -. Contengono in sé una parte di senso e di pratica, ma, soprattutto, una parte simbolica. Quest’ultima, destinata a durare per sempre… a comunicare al mondo, cioè a tutti noi, che si può fare. E, quindi, generare il cambiamento evolutivo. Ringrazio, pertanto, l’associazione I-Fun per aver contribuito a rendere tutto questo possibile. Lascio per ultimo un ringraziamento speciale alla dottoressa Borelli e a tutti i suoi collaboratori per l’eccellente lavoro svolto”. “La nostra è una comunità reattiva – ha aggiunto Maurizio Alloggio - dove le persone con disabilità sono protagoniste per il bene della collettività. I nostri ragazzi si impegnano quotidianamente per apprendere competenze da mettere a servizio della comunità in cui vivono. E poi, questa volta, ci piaceva davvero molto l’idea che fossero proprio i ragazzi autistici a donare qualcosa ai Centri Territoriali per l’Autismo”. Supportato da ASL Foggia, Comune di Foggia, AReSS Puglia...

Riparte il progetto iDO: cresce la squadra con altri bimbi e ragazzi ed è pronta a giocarsi la partita.

Non abbiamo appeso le scarpe al chiodo durante il lockdown, ma abbiamo continuato a lavorare ed essere in rete. L’associazione iFun e i suoi ragazzi hanno proposto tante attività per il progetto iDO. E ora che la situazione è tornata quasi alla normalità, sono pronti a giocare la loro partita. Lunedì 15 giugno, infatti, ripartono le attività del progetto iDO. Formare bambini con problematiche psico-sensoriali per donare loro competenze utilizzabili nel mondo del lavoro, migliorando la propria autonomia e favorendo l’inserimento nella società, mettendo tutto in rete è il gol che sogniamo di realizzare. I laboratori si svolgeranno, nel rispetto di tutte le norme di sicurezza, in diversi luoghi a iniziare  dalla Masseria “A. De Vargas” (recentemente accreditata per i servizi di formazione per le persone con disabilità) fino a Parcocittà che diventa un altro nodo di questa grande rete. Negli ultimi mesi sono arrivate tante richieste da scuole e ragazzi e così abbiamo deciso di arricchire la squadra, facendo entrare nuovi elementi. Volete conoscerli, vero? Beh, siamo una squadra, no? E una squadra che si rispetti, ha le sue figurine! Nasce così “Figurine mai viste” con il claim “Io faccio squadra”. Scoprirete il profilo di ogni ragazzo, raffigurato di spalle, conoscendo la sua caratteristica principale, ciò che ama e ciò che odia, e infine il personale motto di vita. Benvenuti nel nostro mondo. Venite a tifare per noi! #ido #ifun #iwork #iofacciofuturo #iofacciosquadra